PREVENTIVI GRATUITI

RS Elettroimpianti a Forlì
DIAMO ENERGIA
ALLA TUA VITA !

Ecobonus del 110% per la realizzazione di impianti fotovoltaici e per interventi di efficientamento energetico

Il Governo ha approvato col Decreto Rilancio l’innalzamento dell’Ecobonus portandolo dal 50 – 65% al 110% per gli interventi di riqualificazione energetica e per le spese sostenute, per esempio, per la realizzazione di impianti fotovoltaici.

Ecobonus 110% impianto fotovoltaico

Come funziona e quali sono i benefici?

La novità che riguarda il Decreto approvato dal Governo prevede una detrazione al 110% per le spese sostenute dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021 a fronte di specifici interventi, con fruizione in 5 rate annuali di pari importo, oppure con la trasformazione dello stesso in credito d’imposta o in uno sconto immediato per l’importo corrispondente alla detrazione.

Quali sono gli interventi e i passi da fare?

Per beneficiare della detrazione al 110% è necessario assicurare, oltre al rispetto dei requisiti tecnici minimi indicati dalla legge, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio, oppure il conseguimento della classe energetica più alta.
Il tutto dovrà essere dimostrato tramite l’Attestato di Prestazione Energetica (APE), prima e dopo l’intervento, il quale dovrà essere rilasciato da un tecnico abilitato al rilascio della suddetta dichiarazione.

Chi può usufruire del bonus?

Gli interessati sono:
1) i condomìni
2) le persone fisiche, al di fuori dell’attività di impresa, arti e professioni, sulle singole unità immobiliari, ma non su edifici unifamiliari diversi dall’abitazione principale
3) gli IACP – Istituti Autonomi Case Popolari ed Enti con le stesse finalità sociali, con i requisiti in materia di “in house providing”, sugli immobili adibiti a edilizia residenziale pubblica
4) le cooperative edilizie a proprietà indivisa, per gli interventi su immobili da esse possedute e assegnati in godimento ai propri soci.

Non possono godere invece della detrazione del 110%, ma possono comunque usufruire di quella al 50 e 65%:
1) le persone fisiche esercenti arti e professioni
2) i soggetti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali), con riferimento agli immobili “strumentali”
3) le associazioni tra professionisti
4) gli Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

SERVIZI